Successivo

Progetto
successivo

In occasione della chiusura delle celebrazioni dei 50 anni dell’Università di Bergamo, Studiolabo ha progettato la nuova l'identità visiva dell'Ateneo.

L’unione di tradizione e innovazione nello stesso simbolo grafico è stato il punto di partenza per lo sviluppo del nuovo marchio. L’obiettivo era la creazione di un marchio che riuscisse a mantenere un legame con gli elementi identitari del territorio e la tradizione universitaria e allo stesso tempo in grado di rendere l’identità più contemporanea e riconoscibile, mantenendone un carattere fortemente istituzionale. Un segno leggero, di semplice utilizzo veicolabile su differenti media a firma della qualità e dell'esperienza dell’Università di Bergamo.

GENESI DEL MARCHIO

Il sigillo utilizzato dall’Ateneo prima del restyling è ripreso direttamente dal Grosso Bergamasco con un ottagono bordato dove è raffigurata una versione stilizzata della città di Bergamo.

Il nuovo marchio mantiene saldi e riconoscibili gli elementi identitari dell’università: il legame con il territorio e la Città di Bergamo, con le sue torri medievali, la facciata dell'ex-chiesa di Sant'Agostino, oggi Aula Magna dell'università, e il porticato inferiore, a simboleggiare le Mura e la parte bassa della città.

1.1 Sigillo precedente al restyling 1.2 Ex-chiesa Sant’Agostino 1.3 Bozzetto annullo postale

GERARCHIA DI MARCA

Il restyling dell’identità dell’Ateneo di Bergamo vede la creazione di una vera e propria gerarchia di marca, con un brand principale ed una serie di sub-brands derivati dal marchio principale.

Un marchio istituzionale che si declina su altri 8 sub-brands di riferimento ai Dipartimenti, a 9 Centri di Ateneo e numerose declinazioni dedicate a Dirigenza, Uffici e Servizi interni all'Ateneo. Un vero e proprio ecosistema di marca.

Di seguito presentiamo la struttura gerarchica.